Indagini ambientali

SPECIALISTI IN INTERVENTI DI BONIFICA 
A CARPENEDOLO, provincia di brescia

Dal 2003, S.IN.GE.A. è azienda specializzata in perforazione a finalità ambientale per realizzare impianti di bonifica dei terreni e della falda.
L'impresa collabora con multinazionali italiane ed estere attive in campo ambientale per interventi di caratterizzazione ambientale e bonifica. La ditta dispone di attrezzature di perforazione con testa a percussione (PSM 16G) ed effettua sondaggi a carotaggio continuo a rotazione con infissione a secco del rivestimento e/o a percussione. 

 S.IN.GE.A. realizza inoltre perforazioni per il rilievo dei gas interstiziali, finalizzate all'esecuzione di campi prova e interventi di bonifica in sito dei terreni e della falda con tecnologia Soil Vapor Extraction, Bioventing, Air Sparging, pozzi di aggottamento e barriera idraulica. Durante le fasi di lavorazione, l'azienda utilizza attrezzature di misura per analisi chimico-fisiche di campo (gascromatografo, oil interface, sonde multiparametriche, pompe Gastec di aspirazione).

MONITORAGGIO IDROGEOLOGICO E AMBIENTALE

In campo idrogeologico e ambientale, S.IN.GE.A. effettua:
  • Misure piezometriche con freatimetri manuali e trasduttori di pressione piezoelettrici
  • Prove di pozzo
  • Prove di falda
  • Campionamenti acqua e suolo per analisi ambientali e geotecniche
  • Microcampionamenti di terreno per analisi ambientali
La ditta dispone di un sistema per il prelievo di fustelle di terreno (tipo GEOPROBE) a marchio Pagani Geotechnical Equipment. Il campionamento avviene a percussione con avanzamento a secco: il maglio spinge alla profondità voluta una serie di aste, al termine delle quali è presente un campionatore in cui è racchiusa una fustella in policarbonato trasparente.
L'avanzamento a secco serve a prevenire eventuali contaminazioni del sottosuolo e alterazioni chimico-fisiche dei campioni.
 
Il sistema di campionamento direct-push prevede due diversi tipi di carotaggio: con un campionatore aperto, il carotaggio effettuato sarà continuo; con un campionatore a pistone, invece, sarà possibile effettuare un prelievo di carota più in profondità. Al termine del carotaggio, le aste vengono sfilate dal terreno tramite un rapido sistema di estrazione. Ciò permette di recuperare il campione, il quale viene restituito all'interno di una fustella in policarbonato trasparente che favorisce un'iniziale ispezione visiva. La chiusura della fustella mediante appositi tappi evita il contatto del campione con l'atmosfera o altri agenti contaminanti. 

Per i prelievi di terreno direttamente in cantiere è stata montata sul penetrometro una speciale taglierina che seziona a metà la fustella permettendo l'asportazione della parte superiore senza contatto diretto con il terreno e il successivo campionamento in sito.
Affidati ai nostri esperti per indagini ambientali accurate
Contattaci
Share by: